Cronache del dopo scuola
Salvo Mangione - 21-09-2009
Riceviamo la segnalazione di questo racconto fantascientifico e più che volentieri lo pubblichiamo, ringraziando l'autore e il suo spazio virtuale per la ... presentissima immaginazione! Red



In un futuro prossimo, quando le proteste si saranno placate e gli ultimi contestatori di questi anni sceglieranno un'altra occupazione, allora avrà inizio una nuova era per l'istruzione. In cui gli insegnanti sono preposti ad altro incarico e i presidi comandano con piglio autoritario. Proprio come oggi.

-Brambilla!
-Signore?
-C'è un 16-14 in teletrasporto dal Ministero. Proceda alla decodifica analitica.
-Prego, signore?
-Brambilla, Le ricordo che è in assegnazione provvisoria. Molti esseenne della Federazione vorrebbero stare al posto suo e non accetto che un sottoposto a procedimento di rimozione non conosca la decodifica analitica.
-Signore sì, signore.
-Le concedo il tempo di una rotazione di spazi pubblicitari nell'orizzonte, poi voglio il rapporto sul desk.
-Consideri l'incarico già eseguito,signore.
-Vedremo, vedremo. Ne ho abbastanza di queste chiacchiere di Voi raccomandati. Non sapete far nulla, siete i parassiti del sistema. Il vostro unico merito è quello di ciarlare con le autorità per ottenere protezioni. Sappiate che qui nessuno vi proteggerà. Adesso si tolga dalle balle.

-Comandante?
-E tu che vuoi, Colombo?
-Abbiamo delimitato la zona di segnalazione in un'area di circa quattrocento metri.
-Natura, tipologia del territorio, insediamenti umani. Forza, Colombo.
-Scarsa densità, comandante. Accentuata polverizzazione da edilizia low quality sprovvista di sistemi anti B.O.
-Ah, il vecchio Big One torna a farsi sentire.
-Certamente, comandante. Dai rilievi ad infrarossi possiamo ricostruire gli ultimi trenta giorni dell'edificio.
-Scatola nera?
-Negativo, signore. L'istituzione scolastica ne era sprovvista.
-Quindi si trattava di una scuola..
-Ehm, sì, scusi signore il preview nel rapporto, stavo per dire appunto che trattasi di istituzione scolastica risalente al periodo della Prima repubblica, forse anche antecedente, poiché i simulatori di rattoppo edilizio hanno evidenziato decine d'interventi e materiali ormai estinti nella scienza delle costruzioni. Vuole che elenchi?
-Proceda
-Malta, cemento, mattoni forati, sabbia di mare, e tracce di ferro, litio e stronzio non connesse ai materiali precedentemente elencati.
-Comincia a preoccuparmi questa faccenda dello stronzio, Colombo. Se ne trova un po' troppo in giro ultimamente. Bisogna contenere i livelli d'ossidazione. Lei è un chimico?
-No, comandante. Ero nei Gis, classe A039.
-Un geografo, ecco perché le hanno assegnato i rilievi. Ho avuto alcuni di voi alle mie dipendenze nel 2010, a Varese, nel Liceo Lombardo-Veneto, in Padania. Gente laboriosa, federati in gamba, li abbiamo collocati a riposo sul Po, loro se lo meritano.
-Comandante, col suo permesso, è arrivato l'essenne Brambilla.
-Proceda, soprannumerario Brambilla.
-Signore, la pattuglia Govi in missione ha rilevato a seguito di un 16-14 del Ministero tracce di materiale deperibile in uso per sistemi primitivi di comunicazione non orale, né visuale.
-Sarebbe a dire?
-Si tratterebbe di materiale cartaceo, signore.
- Ma non era estinto dalla Twitter-Age?
-Abbiamo constatato che è riuscito a sopravvivere in un microclima fertile, come può vedere nella simulazione climatica in proiezione. Il materiale in cui era avvolto l'ha protetto dalla mutazione geologica.
- Cosa?
-Plastica, signore. Di tipo trasparente, definita volgarmente a secchiello, bordata da fori presumibilmente atti all'inserimento di anelli metallici.
-Puah, barbun. I contenuti, passi ai contenuti.
-Si tratterebbe di uno scritto datato 2009; il decodificatore ha responsato, pardon ha emesso responso: graduatorie di Circolo e d'Istituto del personale docente, anno 2009.
-Case history. Subito, che non ricordo.
-Signorsì. "Le graduatorie di circolo e d'istituto del personale docente furono soppresse per decreto nella stagione terza dell'anno 2009- come cita il Zec nell'aereo-blog Scuola ladrona, committente Alboino. Gli esiti del provvedimento furono brillantemente dissimulati con la tecnica di comunicazione preventiva. Si verificarono nel nord nord Africa risibili tafferugli che coinvolsero del personale docente non confermato..
-Sì, ora ricordo, i PDNC
-Questi non aventi diritto al lavoro restituirono le tessere elettorali, supporti cartacei precedenti all'epoca della candidatura unica, in quanto contestarono la Beata Maria Stella..., ehm leggo signor comandante?
-Ho detto, proceda! Tutto!
-..contestarono la Beata Maria Stella - cita lo Zec- di aver affossato le graduatorie d'istituto, rifugiandosi nel decreto salva-precari che garantiva 13 mila unità (pagate da un istituto provvidenziale nda.), ai Dirigenti scolastici. Questi ultimi, a loro volta, avrebbero evitato di chiamare in servizio le unità dalle sopracitate graduatorie d'istituto...
-Pistola sovversivi. Va bene.., basta.
-...risparmiando sul salario che, nel caso di chiamata da graduatorie d'istituto, avrebbe dovuto essere corrisposto dalle scuole.
-Ho detto basta! Sei sordo, Brambilla? Vai alle conclusioni.
-A seguito del felice esito del decreto salva-precari - cita lo Zec- si potè procedere alla progressiva e definitiva rimozione dei precari dalle scuole pubbliche, attraverso il sistema dei contratti di disponibilità, con validità annuale, una tantum. Ai precari in seguito venne garantito lo status umano di rifugiati, secondo la direttiva OCSE, intitolata "Nuovissime deliberazioni sul reclutamento scolastico. La piaga del precariato". Furono debellati nell'arco di quattro stagioni solari e dispersi nella popolazione classificata 'sottoproletariato urbano'.
-Bene, signori. Quindi abbiamo del materiale eversivo in circolo. Mi chiedo, e ve lo chiedereste pure voi se foste in grado di farlo, a chi appartenga. Si è proceduto alla mappatura della zona?
-Affermativo, signore. Indigeni, acculturati secondo le norme previste.
-Non Basta. Interrogateli, avete proceduto al test C.M. ?
-Sissignore, negativo per tutti. Erano a conoscenza dell'evoluzione dell'etere, dal silicio al web.
-Indagine visuale?
-Solo una titubanza, signore.
-Nessuna titubanza, nessuna! Chi?
-Un uomo, carnagione scura, ha esitato al test di riconoscimento starlet.
-Negher. Sparategli un chip escort da 50.
-Per quanto, signore?
Un'ora. Anzi due. Voglio che riconosca ogni dettaglio, ogni nome, ogni anatomia a saltare.
-Sarà fatto, signorsì.
-Quanto ai responsabili del materiale, avete individuato l'area tematica?
-Sembrerebbe umanistica, signore. Col suo permesso, abbiamo già proceduto alle pratiche di riconoscimento. Questi soggetti sono soliti nascondersi nelle storie dei libri cartacei.
-Dove?
-Potrebbero essere ovunque. Selve oscure, laghi, cime tempestose, mari, molti vivono di pesca solitaria.
-No, no, no, non ci siamo. Cercateli nel loro libro.
-Prego, signore?
-Nei libri, terun. Sono loro. In loro stessi. Ognuno di loro può essere una storia, un libro, anzi un pacco di storie pericolose. Sanno della loro gente: racconti, episodi, incontri. E parlano. E trasmettono. Capito, belin?
-Lo consideri eseguito, comandante.
-Bene, che minuti sono?
-Quindici secondi al dinner minute, comandante.
-Mi assento per il saluto alla donna.
-È già in linea, comandante. L'ho proiettata nella sua camera oscura.
-Mmm, Colombo?
-Comandante?
-Lei ce l'ha una compagnia femminile?
-Unità robotica 23, comandante.
-Letteronza, eh. Impegnativo, Colombo
-Sì, comandante. E lei, se mi è permesso?
- Sì..ha deciso il Ministero. All'epoca si faceva così.
-La reclama, comandante.
-Eccomi. Ciao, cara.
- CHI- I- È- LA- GI- I- O- IA- DE- EL- TUO- CU- U- ORE?
-Sì, sì, cara.
-CHI- I- È- LA- GI- I- O- IA- DEEE- L TUU- O- CU- O- RE?
-Tu, Maria Stella, tu.

Salvo Mangione
[11 Settembre 2009]


L'articolo è apparso su Carta.org

Tags: precari, scuola


discussione chiusa  condividi pdf

 oliver    - 03-10-2009
Fare un commento su questo splendido racconto è inutile. Vi ringrazio per averlo pubblicato anche se probabilmente molti colleghi non "capiranno", il vero feeling che si sta concretizzando con la nostra cara "stella" di montagna.