L'aumento delle bocciature e le colpe del Ministro Gelmini
Antonio Cucciniello - 15-06-2009
Nella Scuola Secondaria di 1° grado (ex media inferiore), in conseguenza dei provvedimenti del Ministro Gelmini sulla valutazione finale degli alunni, come era facilmente prevedibile, si é registrato, a livello nazionale, un aumento del 55% del numero di alunni respinti (in alcune scuole, dove comunque non hanno applicato alla lettera la normativa ministeriale bocciando solo con 4- 5 insufficienze gravi, l'aumento percentuale ha superato anche il 150% .

Polemiche, anche aspre, non sono mancate e non mancheranno , ma c'è, comunque, la necessità di far rilevare un'enorme contraddizione: con l'applicazione letterale della normativa, un buon 50- 60% dei ragazzi sarebbe stato bocciato anche con solo due insufficienze; nella Scuola Sec. di 2° grado, uno studente con analoga situazione, non viene respinto ma, durante l'estate, ha ancora l'opportunità di recuperare e, quindi, non perdere l'anno.
E' possibile accettare che ci sia questa disparità di trattamento, a discapito della fascia dell'obbligo?
La scuola può essere contemporaneamente rigorosa, severa ma ancora formativa?
Tutti gli esperti concordano sul fatto che in generale, ma soprattutto nelle fasce d'età relative alla scuola primaria ed alla scuola media inferiore, i processi di apprendimento debbano essere lenti, rispettosi dei tempi per imparare e metabolizzare bene i concetti, e, quindi, in evidente contrasto con molte delle decisioni politiche degli ultimi Governi (diminuzione delle ore di lezione nei vari ordini di scuola e/o in alcune materie importanti, riduzione del tempo pieno e del tempo prolungato, ecc.).
Ma, allora se, per mancanza di finanziamenti, non è possibile organizzare né la compresenza di docenti per qualche ora settimanale (per effettuare attività di recupero degli alunni deboli ma anche di potenziamento dell'eccellenza, a piccoli gruppi omogenei di alunni e con metodologia adeguata a tutte le esigenze), né seri corsi di recupero pomeridiani, con un congruo numero di ore (corsi di 10 ore sono una cosa ridicola) e tanto meno un sistema premiale del merito e del "sacrificio" che sia motivante per tutti (con borse di studio, buoni libro, buoni per attività sportive, ecc. non solo per i più bravi ma anche per gli studenti che, pur non riportando voti alti, mostrano impegno sistematico ed aiutano i compagni), chiedo al Ministro, alle forze politiche e sindacali, ai presidi e ai docenti se non sia più giusto, per dare un'ulteriore possibilità agli alunni, ripristinare, fin dalla 1^ media inferiore, gli Esami di Riparazione a settembre ?

Antonio Cucciniello
Induno Olona, 14 Giugno 2009



Tags: valutazione, bocciature, esami riparazione, recupero crediti


interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf