Per Franco Volpi. Morire in bicicletta
Andrea Tornago - 17-04-2009
C'Ŕ qualcosa di insopportabile nel morire in bicicletta, in uno dei rari istanti di libertÓ e di fragilitÓ strappati alla fatica e alle delusioni del mondo. Investiti da un'auto, come Ŕ accaduto il lunedý di Pasquetta a Franco Volpi, professore ordinario di filosofia all'UniversitÓ di Padova.

www.repubblica.it

C'Ŕ qualcosa di insostenibile in questo morire nudi, colti e puniti nell'attimo della fuga, della libertÓ, dello svestimento: questo lasciarsi alle spalle la casa per la strada uscendo senza documenti, per una volta soli, e per questo a lungo senza nome e senza riconoscimento dopo l'impatto. Una libertÓ che si converte in oblio e dimenticanza.
Di chiunque sia la colpa, bisogna affermare che una morte come questa Ŕ inaccettabile e ha un valore politico. Non si rispettano gli stop in questo paese, non ci si ferma davanti a nulla, non c'Ŕ paura di far male, non c'Ŕ cura per niente e nessuno. C'Ŕ solo l'arroganza della macchina e l'incapacitÓ di governarne il pericolo, ci si muove nel mondo a spallate, come carri armati di un esercito invasore.
Una bicicletta che ci fa. ╚ una fionda contro un cingolato.
Vengono a scontrarsi cosý le due Italie che ogni giorno rischiano di diventare una sola: l'Italia delle libertÓ, la libertÓ di travolgere e calpestare. Contro la fragile libertÓ dell'arte della fuga, del discreto scostarsi e sparire, dell'andare piano o della velocitÓ leggera e silenziosa della bicicletta. Una hybris che non manca di essere punita. Non si pu˛ fuggire dall'Italia prepotente e macellaia senza esserne raggiunti all'incrocio poco pi¨ in lÓ, braccati e travolti dalla sua - ormai - incontrastata onnipresenza.
Per questo siamo con te, Franco Volpi, in sella a quei miseri dieci chilogrammi di metallo, ad occhi chiusi nel sole, dentro tutto quel vento.

interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf

 P.C.    - 20-04-2009
Anche Mario Gattullo morý andando in bicicletta, investito da un autobus. Pu˛ esserci un nesso? Pendo al Talete che cadde in un pozzo. NOn so.