I dati scientifici smentiscono la Gelmini
Gianfranco Pignatelli - 24-12-2008
Insegnare a leggere, scrivere e far di conto. Questo, e tanto altro, si chiedeva alla nostra scuola primaria. E, smentendo i diffamatori politici ed i loro zerbini mediatici, le elementari hanno risposto alla grande. Ecco gli ultimi dati. Nel rapporto Timss 2007 (Trend in international Mathematics and Science study), che misura le competenze in matematica e scienze degli alunni al quarto e all'ottavo anno di scolarità di 59 paesi distribuiti nei 5 continenti, la scuola elementare italiana consolida il suo primato internazionale. E non è tutto. Risultati identici arrivano dal Pirls 2006 (Progress in international reading literacy study - del centro studi di Boston nel Massachussets), che indaga sulla comprensione della lettura dei bambini al quarto anno di scolarità. Performance ancor più lusinghiere se si considera che i nostri alunni hanno un'età media inferiore, di circa un anno, rispetto ai corrispondenti compagni degli altri paesi. Questo è quanto ha realizzato, dal 1990, il tanto deprecato modulo di tre insegnanti su due classi. Pluralità di metodo, conoscenze, competenze ed esperienze per una scuola di qualità. Argomenti astrusi per un avvocato, improvvisato ministro, che, vaneggiando, s'assimila addirittura a Gentile e per il suo manipolo di smantellatori della scuola pubblica di qualità.


interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf