Una tredicesima con i fiocchi!
Gian Paolo Trevisani - 20-12-2008
Oggi mia moglie ed io abbiamo ricevuto le buste paga. Grande gioia!
Finalmente abbiamo avuto gli arretrati della vacanza contrattuale:

Euro 86 circa lordi

Finalmente abbiamo la vacanza contrattuale:

Euro 14.31 lordi

Da subito ho notato che tra i due stipendi la differenza era minima, e la cosa mi ha fatto preoccupare.

Ebbene per dirla in poche parole io, con uno stipendio lordo (con tredicesima) superiore a quello di mia moglie di circa 370 Euro, ho avuto uno stipendio netto inferiore a quello di mia moglie di 50 Euro!!!
Sembra una magia, sembra impossibile, ma è vero.

Chi devo ringraziare?

interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf

 vittoria menga    - 20-12-2008
E' successo anche a me, è scattata l'aliquota del 38% che si è rimangiata 400 euro. Possibile che nessuno protesti!!??

 ilaria ricciotti    - 21-12-2008
Devi ringraziare chi i conti ben sa fare!
Devi ringraziare la maggioranza delle gente che di aver votato il re dei re non si pente.
Devi ringraziare il vento e la bufera che ogni giorno la nostra società azzera.

Anche se stiamo vivendo in piena crisi, belli e sorridenti sono i nostri visi, noi italiani, brava gente, abbiamo imparato bene l'arte di colui che mente.
Mentire sta diventando un esercizio quotidiano, sia del potente che di chi gli bacia la mano.
Andiamo sempre più giù, apparteniamo al terzo mondo ogni giorno di più.
Ilaria

 enniocian    - 21-12-2008
Devi ringraziare prima di tutto TPS E PRODI che hanno variato le aliquote.
Poi magari anche Tremonti e Berlusca, ma questi, stavolta, so venuti dopo, e, magari, diranno che le tasse non le hanno aumentate loro.
Loro le hanno lasciate invariate.
Certamente vero.
Non è cambiato niente rispetto l'altra'anno.
Saluti
Ennio

 Giuseppe Aragno    - 21-12-2008
Prodi e compagni, temo. A novembre ho preso due euro di pensione. Due, sì. E per cinque mesi, sono stati trattenuti quasi ottocento euro dalla mia ricchissima pensione di insegnante. Perché? Ho guadagnato poche migliaia di euro con un contratto all'università, una ricerca finanziata e alcune conferenze. All'università ho dovuto consegnare inoltre un'autocertificazione in cui dichiaravo che io, povero insegante in pensione, non supero i 200.000 (proprio così: duecentomila) euro di reddito annuo. Dulcis in fundo, sono stato obbligato ad una iscrizione aggiuntiva all'Inps. Che dire?