E Le visite fiscali?
Paolo Citran - 29-11-2008
DEI MARCHINGEGNI BRUNETTIANI IN TEMPI GELMINIANI

Giunge dall'Ufficio Scolastico Regionale del Friuli-VG una circolare indirizzata ai Dirigenti scolastici sul tema "onerosità e/o gratuità delle visite fiscali".
Rispondendo a quesiti pervenuti da alcune scuole, l'Ufficio cita una sentenza della Cassazione che si esprime nel senso che "l'onere del pagamento della visita fiscale grava sul datore di lavoro".
L'Ufficio nota altresì che la sentenza nulla cambia nell'impianto normativo esistente, in quanto il suo valore non è "erga omnes".
Pertanto l'Amministrazione Scolastica, sulla scorta del parere dell'Avvocatura dello Stato, applica il criterio che "le visite fiscali rientrano nelle competenze delle Unità Sanitarie Locali e rappresentano prestazioni comunque a carico del Servizio Sanitario Nazionale".
Conclusione prevedibile:
sembra proprio che delle Aziende Sanitarie frequentemente non effettuino le visite fiscali anche per consistenti periodi di assenza del personale scolastico.
Non sarà un grave danno, dato che notoriamente le visite fiscali è ben difficile (personalmente non conosco alcun caso) contraddicano le certificazioni del medico curante. Sarà un risparmio per lo Stato.

O no?

E' solo da parte di un paleostatalista retrò che si può pensare che i soldi della Scuola e quelli del Servizio Sanitario sono comunque pubblici, quindi nostri?

interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf

 oliver    - 05-12-2008
Ho avuto la sfortuna di beccarmi un'influenza che mi ha tenuto a letto tre giorni, al quarto sono tornato a lavorare per evitare di perdere ulteriori soldi. La tosse e il raffreddore continuano a crearmi problemi durante la notte per scarsa respirazione e durante la lezione con continue interruzioni.
Ho potuto verificare con mano che gli orari riorganizzati per il controllo fiscale sono una totale imbecillità, vivendo da solo vorrei chiedere al "genio", come è possibile procurarsi da mangiare o farmaci stando in attesa del controllo, il "genio", vorrebbe per cortesia spiegarmelo, inoltre non avendo gli stessi emolumenti del "genio", non ho una badante che possa in un qualche modo accudirmi. Come si può pensare che tutti siano tanto disonesti da pensare solo a fregare lo stato e non pensare che i veri disonesti pagatissimi sono annidati tra coloro che non sono sottoposti mai a controlli?

 tamarispa    - 13-12-2008
Qualche tempo fa ho letto su L'Espresso una biografia alquanto "edificante" su BRUNETTA... a quanto pare PREDICA BENE MA RAZZOLA PARECCHIO MALE...
Chissà che grasse risate si faranno gli Europarlamentari che lo hanno visto di SVISTA.....