Precariato docente, l'uovo di Colombo
Libero Tassella - 26-11-2008
Per risolvere in modo strutturale il problema del precariato docente bisogna rivedere la politica sciagurata sui tagli di organico e sull'aumento degli alunni nelle classi, che fa coppia con quelli sulla sicurezza degli edifici scolastici: gli uni colpiscono nella carne e negli affetti, gli altri nella mente e nel futuro delle nuove generazioni.

Bisogna quindi assumere, rendendo contrattualmente stabile il lavoro degli insegnanti precari, e farlo su tutti i posti vacanti negli organici, evidentemente lý dove c'Ŕ bisogno, attraverso una graduatoria nazionale di assunzioni, rivedendo per questo e da subito l'ambito territoriale, ora provinciale, della validitÓ delle graduatorie ad esaurimento; non disperdendo quel precariato docente, vera risorsa della scuola italiana, che ha accumulato negli anni esperienze educative, didattiche, disciplinari, ad invarianza di retribuzione e con contratti instabili negli anni e a volte in situazioni di grande disagio logistico.

E' l'uovo di Colombo, ma Ŕ una veritÓ incontrovertibile.
C'Ŕ bisogno di volontÓ politica bipartizan, volontÓ che Ŕ mancata al governo precedente ma che Ŕ deficitaria soprattutto in questo governo e nelle forze politiche che lo sostengono, problema che Ŕ percepito purtroppo in modo , spiace dirlo, superficiale anche da alcuni esponenti dell'attuale opposizione ed Ŕ strumentalizzato, a volte secondo prassi apertamente propagandistiche, da partiti e sindacati.

Oggi i precari purtroppo hanno un appeal politico-sindacale a dir poco inesistente, sembrano dei fantasmi , invisibili ai pi¨; tanto che per materializzarsi in modo creativo protestano a Napoli in Piazza Vittoria , materializzandosi come lavavetri in una rigida domenica autunnale.

La veritÓ Ŕ che il reclutamento stabile nella scuola non Ŕ un problema solo occupazionale, ma Ŕ una garanzia tout court dei livelli qualitativi dell'offerta formativa nella scuola pubblica, artatamente letta dall'attuale ministro dell'istruzione come uno spendificio.

interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf