Referendum subito
Alfonso Cardamone - 13-07-2002

Una legge sull'immigrazione che prende le impronte agli immigrati,
considerandoli tutti alla stregua di sospetti criminali, una
deliberazione parlamentare per cancellare una norma della Costituzione
Repubblicana e consentire ai discendenti dei Savoia di rientrare in
Italia. Tutte e due nello stesso giorno.
Ci deve essere un senso in tutto questo e certo la lettura della
coincidenza è tutt'altro che difficile, ancorché sconfortante.
E' la sconfitta dello spirito della Resistenza e della Costituente,
pilastri ambedue della Costituzione Repubblicana. E' l'abdicazione,
ormai palese, da una parte ad ogni illusione di democrazia come rispetto
della persona, a prescindere da censo, religione, razza, casta e casata,
dall'altra ad ogni impegno di rispetto della democrazia come sistema che
nasce dal popolo ed al popolo ritorna senza fare alcuna concessione ad
aberrazioni, storicamente superate, come le monarchie ereditarie.
Sembrerebbe che tra le due affermazioni di cui sopra ci possa essere una
contraddizione logica: non è forse -qualcuno potrebbe obiettare-
un'affermazione del rispetto della persona (proprio quello negato dalla
legge sull'immigrazione!) il riconoscimento del diritto ai discendenti
maschi di casa Savoia a fare rientro nel territorio della Repubblica
Italiana? Non è forse giusto e laico superare il pregiudizio che le
colpe dei padri ricadano sui figli?
Sofismi "barocchi", rispondiamo, sillogismi volgarmente truccati.
Ci si dimentica infatti del valore fondante e di garanzia di quel
divieto che era iscritto nella Costituzione. Proprio nel momento in cui
si tagliasse definitivamente con ogni possibile riferimento e
concessione, a posteriori, all'aberrazione della monarchia ereditaria si
potrebbe pretendere, infatti, di costruire una democrazia rispettosa
delle persone.
Se una trasformazione era da operare nel corpo della Legge
Costituzionale, non era quella di cancellare quella norma transitoria,
bensì di trasformarla in definitiva. Avere operato in senso contrario è
perfettamente compatibile con la negazione dei diritti della persona di
cui la legge sull'immigrazione è patente e vergognoso esempio.
Per questo è importante mobilitarsi per una battaglia referendaria che
metta nelle mani del popolo la possibilità di correggere l'iniquità
perpetrata dal sistema politico.


interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf