Anno scolastico 2013-2014 - mese di ottobre
Gigi Monello - 25-10-2013
Lunedì: il dirigente Lepidazzi mi guarda e con schifata cordialità mi dice che dopo "attento monitoraggio" si è accertato che l'abbigliamento prevalentemente scuro da me indossato ha effetti psico-dinamici deprimenti sull'utenza, "Professore, lei mi abbassa il TIS"...
Enrico Maranzana - 23-10-2013
La proposta di cambiamento dell'istituzione scolastica, elaborata dal Corriere della sera con Andrea Ichino e Guido Tabellini, è analoga alla composizione di uno studente che, non afferrando il senso della traccia d'un tema d'italiano, si arrabatta a raccogliere dati, desumendoli da esperienze pregresse...
Vincenzo Pascuzzi - 22-10-2013
Il 16 ottobre 2013 il ministro dell'istruzione ha affermato: "Ci sarà un ripensamento complessivo rispetto al Sistema nazionale di valutazione per scuola e università. Non è corretto che un'agenzia di valutazione definisca gli obiettivi del sistema". Appena 5 giorni dopo...
Francesco Masala - 22-10-2013
Se il gioco è inventare qualcosa di nuovo, per distrarre l'attenzione, e non solo, il nostro think tank ministeriale ha creato un'arma di distrazione di massa, i BES...
Antonio Vigilante - 21-10-2013
Facciamo che tu sei un filologo bravo, che ha letto un sacco di libri e ne ha scritti una decina, adottati all'università. Quella della città in cui vivi bandisce un posto da docente a contratto per l'insegnamento di filologia. Che bello, pensi, puoi insegnare le cose che sai, ed insegnare è bello. Poi però leggi il bando...
Laura Alberico - 19-10-2013
Una nuova sigla che non contempla niente di nuovo rispetto a quanto già si fa nella scuola. L'analisi dei bisogni e delle risorse individuali di ogni alunno è sempre stata una piattaforma nella quale innestare i percorsi formativi personalizzati e individualizzati che consentono di modellare, in uno specifico contesto, la didattica.
Marcella Raiola - 17-10-2013
E' iniziata la seconda campagna diffamatoria contro i docenti, per predisporre l'opinione pubblica a giustificare e, anzi, postulare l'introduzione dell'orario a 24 ore (siamo lavativi, abbiamo tre mesi di ferie, siamo privilegiati, facciamo il lavoro delle casalinghe e dei falliti) e della retribuzione "premiale" (più soldi a chi lavora anche la notte, a chi lava i cessi della scuola, a chi fa il mastino delatore dei colleghi e il tirapiedi del preside-padrone).
Enrico Maranzana - 15-10-2013
L'indagine sui livelli di alfabetizzazione degli italiani ha dato esiti disastrosi. Quali provvedimenti si stanno architettando per ricondurre l'istituzione scuola a livelli accettabili? In questi giorni la VII commissione cultura della camera discute di "Misure urgenti in materia di istruzione di università e ricerca". Il decreto individua l'università come ambito privilegiato per la riqualificazione del lavoro dei docenti: una scelta che ripropone gli itinerari che hanno condotto alla devastazione del settore. Chi convocherebbe dei campioni di tennis per selezionare allenatori di squadre di calcio?
Claudia Fanti - 14-10-2013
In giorni come questi che vedono il nostro Mediterraneo come un'immensa bara liquida ancora di più mi dispiace immensamente che abbiano tolto lo studio della Storia fino al '900 alle elementari. E' stata la più grande delusione provata nel silenzio, anzi nel compiacimento di molti, come non si ritenessero i bambini in grado di ragionare e di riflettere...
Giuseppe Aragno - 12-10-2013
"Si scrive scuola, si legge futuro". Questo slogan ha spinto ieri in piazza gli studenti delle superiori, mentre Lampedusa allineava sul molo nuove vittime di leggi razziali. Ovunque l'onda della protesta ha chiamato in causa il governo; nel mirino non solo Letta, ma Napolitano, "deus ex machina" di "larghe intese", inammissibili manomissioni della Costituzione e scorciatoie presidenzialiste.
Maurizio Tiriticco - 11-10-2013
La recente pubblicazione del rapporto OCSE PIAAC, realizzato in Italia dall'ISFOL circa i livelli di alfabetizzazione della popolazione del nostro Paese - gli adulti tra i 16 e i 65 anni, tra cui anche i laureati - mi ha veramente preoccupato. Occupiamo soltanto il 23esimo posto!!! E menomale che la ricerca ha riguardato solo 26 Paesi e non tutti i 34 che fanno parte dell'Ocse! Altrimenti, dove ci saremmo collocati? E' anche vero che nel nostro Paese, in fatto di scuola, non si investe come si dovrebbe.
Vincenzo Pascuzzi - 10-10-2013
Qualche riflessione sulla scuola ai suoi inizi o albori. La possiamo indicare con il termine "proto-scuola", che consisteva nel rapporto didattico o binomio docente-discente/i. Questa edenica proto-scuola deve aver avuto successo crescente, si è affermata e si è espansa. Allora è sorta la necessità di un ambiente dedicato alle sue attività, di organizzazione, di amministrazione, di regole, di controllo, anche di gerarchia. Inizialmente l'organizzazione e tutto il resto (l'"intendance") sosteneva positivamente, era di sicuro supporto al maestro e all'attività didattica.
Francesco Masala - 09-10-2013
Finalmente anche in Italia nasce un nuovo premio destinato alle scuole, che brillino nel territorio per le caratteristiche di inefficienza incapacità ingiustizia, per offrire un servizio sempre migliore nelle direzioni sopra indicate. La prima edizione europea si è tenuta l'anno scorso e ha ottenuto un grande successo, con più di 7000 scuole partecipanti da tutta l'Europa.
Enrico Maranzana - 07-10-2013
L'autovalutazione di istituto è un adempimento il cui contenuto è variegato. In molte scuole il suo significato coincide con customer satisfaction, appagamento soppesato con l'utilizzo di questionari compilati dai soggetti che interagiscono col servizio scolastico. Un errore da matita blu
Giuseppe Aragno - 05-10-2013
Dopo il compunto silenzio nelle scuole e nelle università, il governo tedesco ci ha prontamente informati: per Angela Merkell i "clandestini" sono un problema dell'Italia. Ci aspetteremmo, a questo punto, che la ministra Carrozza tenesse fede alle dichiarazioni di sdegno e, come aveva annunciato, pretendesse da Letta e dalla Merkell un immediato "confronto sui temi dell'accoglienza, dell'integrazione e dell'immigrazione, strategici per il nostro Paese e per l'Europa".
Cosimo De Nitto - 03-10-2013
Una volta c'erano solo i bravi e capaci da una parte, e dall'altra chi era svogliato, non gli piaceva studiare, oppure poverino "non ce la faceva", insomma lo studio non era per lui e pertanto era meglio per lui e per tutti che andasse via dalla scuola e andasse "a zappare la terra", come si diceva allora. Poi qualcuno cominciò a studiare il fenomeno..
Giovanni Cocchi - 03-10-2013
Ho iniziato con la maestra unica, molti miei compagni bocciati e poi dispersi, col figlio dell'operaio che rimaneva operaio e quello del dottore che faceva il dottore, con l'ultima aula in fondo a destra terribile e misteriosa dove la maestra minacciava di mandarci se facevamo i cattivi: l'aula dei "mongoli", la chiamava, la classe "differenziale".
Francesco Masala - 02-10-2013
In un Paese, del quale non voglio ricordarmi, siamo riusciti a intervistare un Ministro dell'Istruzione (e continuavano a chiamarla pubblica?). Nell'anticamera dello studio megagalattico del Ministro un coro degli impiegati del ministero (non tutti intonati, ci permettiamo di aggiungere) cantavano come dervisci urlanti una melodia nella quale distinguevamo due parole, merito e valutazione, valutazione e merito, cantate in tutte le tonalità.
Cettina Centonze - 01-10-2013
Abbiamo di fronte a noi un baratro. Le certezze di un tempo: Costituzione, democrazia, diritto ad un lavoro che non sia schiavitù, rispetto della singola persona con sue proprie ed originali esigenze sono state intaccate dai potentati finanziari ... ero frenata dalla speranza di sbagliarmi. Lo speravo per i miei figli e per tutti i giovani che nella mia professione ho aiutato ad accogliere la realtà e a sviluppare la possibilità di migliorarla.
galassia scuola
Spazio aperto alle riflessioni e alle opinioni personali su quanto avviene nella scuola in generale, nella nostra scuola in particolare, nelle piazze e nei palazzi in cui la scuola è all’ordine del giorno. Insegnanti, ma anche studenti, operatori, genitori … possono dar vita a un confronto su tematiche attuali, a patto che la discussione sia corretta.
Astenersi anonimi e perditempo!
La Redazione
Tag correlati


Anno scolastico / Mese
2000-2001 / 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2001-2002 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2002-2003 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2003-2004 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2004-2005 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2005-2006 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2006-2007 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2007-2008 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2008-2009 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2009-2010 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2010-2011 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2011-2012 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2012-2013 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2013-2014 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2014-2015 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2015-2016 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2016-2017 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2017-2018 / 9 10 11
Autori