spazio forum DIDAweb spazio forum DIDAweb
21 Settembre 2019 - 03:52:15 *
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.

Login con username, password e lunghezza della sessione
News:
Benvenuti nello spazio forum del DIDAweb.

Per segnalazioni o richiesta di informazioni, non esitare a contattarci all'indirizzo forum@didaweb.net
 
   Home   Help Ricerca Login Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Topic: Trieste: Campo sinti, sentenza importante  (Letto 4228 volte)
Luisa
Administrator
Sr. Member
*****
Posts: 358


Guarda Profilo
« il: 05 Gennaio 2009 - 08:25:23 »

lI Piccolo - Trieste:
Campo sinti, sentenza importante

Campo nomadi di via Pietraferrata: assolti in 15, Comune inadempiente
Il giudice: regolare l'occupazione in via Pietraferrata. «Comune inadempiente»


di Claudio Ernè

«Non costituisce reato». Con questa formula il giudice Giorgio Nicoli ha assolto quindici sinti
dall'accusa di aver occupato abusivamente il campo di via Pietraferrata in cui vivono da più di
vent'anni.

Inglis Levacovich, Stefano Levacovich, Sarita Stefani, Sergio Hudorevich, Tiziana Carri, Luigi
Caris, Rosalba Carri, Marisa Carri, Amelia Carri, Genny Kari, Elvis Levacovich, Romeo
Levacovich, Jeffrey Levacovig, Nataly Levacovig e Cristina Levacovich erano stati rinviati a
giudizio nel lontano 2005 dal pm Michele Stagno che aveva avviato l'inchiesta in base all'esposto
presentato da una società udinese che aveva acquistato l'area dall'E nte zona industriale per
realizzarvi un capannone. Ma l'Edilfriuli, nonostante le ripetute sollecitazioni anche a livello
giudiziario, non è mai riuscita ad avviare i lavori a causa della presenza del campo nomadi. E i sinti
sono sempre usciti vittoriosi dai processi penali intentati loro con l'accusa di aver occupato
abusivamente quel terreno. Una condanna pronunciata in primo grado tre anni fa dal giudice Paolo
Vascotto, era stata annullata dai magistrati della Corte d'appello. Tutti assolti.

Anche l'ultimo esposto, sfociato in questo processo, non ha avuto esito. Il difensore dei quindici
imputato, l'avvocato Sergio Mameli, ha dimostrato che nel 1990 - 18 anni fa- il Comune di Trieste
aveva assegnato un numero civico all'insediamento. L'Acegas aveva allacciato una linea elettrica in
base alla sottoscrizione di un contratto. L'Azienda sanitaria aveva ritenuto l'area adeguata
all'insediamento e la polizia e i carabinieri avevano notificato ai sinti numerosi atti giudiziari e
citazioni a giudizio. Tutti sapevano, ma nessuno ha mai fatto nulla.

Va aggiunto che il Comune di Trieste- anche in presenza di una precisa legge regionale- non ha mai
indicato ai sinti un'area alternativa a quella di via Pietraferrata dove potersi insediare con le famiglie
e i bambini. Secondo il difensore gli imputati non hanno agito con dolo; al contrario sono stati
costretti- quasi obbligati a vivere lì- da una situazione di forza maggiore, nota a tutte le autorità da
anni ma mai risolta. In sintesi la legge regionale è rimasta lettera morta perché le scelte del Comune
di insediare il campo qui o lì, hanno sempre incontrato la vivace opposizione dei residenti. Basta
pensare all'episodio di Opicina dove è sorto uno specifico comitato e dove era stata minacciata la
secessione da Trieste con la nascita di un nuovo municipio autonomo.

Ieri in aula il pm Maddalena Chercia aveva chiesto in base all'a rticolo 633 del Codice penale la
condanna di tutti i quindici imputati a pena comprese tra i quattro e i sei mesi di carcere. Ma il
giudice ha accolto la tesi della difesa: tutti assolti. Va aggiunto che la sentenza non ha legittimato
l'occupazione del terreno di proprietà dell'Edilfriuli. Ha solo detto che i sinti non hanno agito con
dolo. In pratica la palla passa ora al Comune e alle altre autorità cittadine. Spetta loro risolvere il
problema in via amministrativa e politica, non alla Giustizia penale.

(17 dicembre 2008)
Loggato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Salta a:  

Powered by SMF 1.1.20 SMF © 2006-2008, Simple Machines