spazio forum DIDAweb spazio forum DIDAweb
16 Dicembre 2019 - 11:47:19 *
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.

Login con username, password e lunghezza della sessione
News:
Benvenuti nello spazio forum del DIDAweb.

Per segnalazioni o richiesta di informazioni, non esitare a contattarci all'indirizzo forum@didaweb.net
 
   Home   Help Ricerca Login Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Topic: - Alla periferia del Mondo - UN LIBRO NATO A SCUOLA  (Letto 3237 volte)
aemme
Sr. Member
****
Posts: 299


Guarda Profilo
« il: 18 Luglio 2008 - 07:23:58 »

Fondazione Roberto Franceschi
Alla periferia del Mondo
UN LIBRO NATO A SCUOLA

Alla periferia del Mondo Il popolo dei rom e dei sinti escluso dalla storia

Prefazione Isabella D'Isola, Mauro Sullam, Gabriele Frassanito, Guido Baldoni, Giulia Baldini - Contributi di Giovanna Boursier, Leonardo Piasere, Walter Relandini, Alessandro Simoni, Paola Toninato, Vladimiro Torre e Katia Truzzi, Paola Trevisan, Andrea Zanardo. Foto Filippo Podestà.
(23 gennaio 2003)


Prefazione

Giorno della memoria, 27 gennaio 2002: gli studenti affollano l’Aula Magna del
Liceo Classico C. Beccaria di Milano e ascoltano le relazioni degli oratori.
Alcuni liceali vengono a sapere, per la prima volta, che mezzo milione di zingari
è morto nelle camere a gas: uno sterminio dimenticato, insieme a quello degli omosessuali
e dei Testimoni di Geova.
Perché gli zingari nei lager?
E, al di là dei luoghi comuni, chi sono esattamente gli zingari?
Viene organizzata una serie di incontri e dal materiale raccolto nei seminari nasce
l’idea del libro, i cui autori “morali” e materiali (ma non unici) sono quattro studenti
del suddetto liceo. Supportato dalla “curiosità”, dalle conoscenze progressivamente
acquisite e dalla conseguente indignazione morale degli studenti, il libro
vuole assolvere nel contempo al dovere dell’informazione e della denuncia.
Ai margini del mondo, pur essendo ovunque:le popolazioni dei rom e dei sinti da
sempre perseguitate, emarginate, prive di diritti sono il soggetto di questo libro.
Dalla conoscenza all’etica della responsabilità, alla pratica dei diritti per il popolo
maltrattato: con ciò i percorsi della Fondazione Roberto Franceschi e dell’Istituto
nazionale per la storia del movimento di Liberazione in Italia si sono incrociati,
stringendo un sodalizio il cui centro riguarda la cittadinanza, il riconoscimento dei
diritti universali e la denuncia delle pesanti responsabilità storiche che l’Europa, e
non solo, ha verso il popolo dei Roma.
Le iniziative della Fondazione Roberto Franceschi, volte alla democratizzazione e
alla condivisione delle conoscenze fra le giovani generazioni, trovano un corrispettivo
nelle iniziative didattiche messe in atto dall’Insmli, finalizzate all’acquisizione di
una sicura sensibilità democratica e ad una memoria storica al servizio di un futuro
più libero: l’obiettivo prioritario consiste nella maturazione dell’impegno morale e
nella partecipazione propositiva alla vita sociale e civile.
Gli ideali infatti dei militanti del movimento resistenziale sono presenti tuttora
nella pratica dell’Istituto, le cui ricerche sul fascismo e l’antifascismo risultano
prioritarie ma non escludenti l’interesse per l’intera storia del novecento.
In questo contesto è parso utile occuparsi di un popolo fra i più oppressi nella
storia, vittima del regime fascista e nazista.

Il libro vuole essere un contributo per la realizzazione di tali ideali.
Isabella D’Isola, Istituto Nazionale per la storia del movimento di Liberazione in
Italia - Lydia Franceschi, Fondazione Roberto Franceschi

Scarica il libro:
http://www.fondfranceschi.it/pubblicazioni/libri-pubblicati/rom.pdf/
Loggato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Salta a:  

Powered by SMF 1.1.20 SMF © 2006-2008, Simple Machines