spazio forum DIDAweb spazio forum DIDAweb
20 Ottobre 2020 - 02:19:08 *
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.

Login con username, password e lunghezza della sessione
News:
Benvenuti nello spazio forum del DIDAweb.

Per segnalazioni o richiesta di informazioni, non esitare a contattarci all'indirizzo forum@didaweb.net
 
   Home   Help Ricerca Login Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Topic: Il termine razza non ha alcun senso  (Letto 2602 volte)
aemme
Sr. Member
****
Posts: 299


Guarda Profilo
« il: 12 Luglio 2008 - 06:36:11 »

Marcello Buiatti:
«Il termine razza non ha alcun senso»
Il genetista illustra il manifesto antirazzista di cui è estensore

 
Marcello Buiatti, Università di Firenze
 
«Avverto un aumento continuo dell’astio di ognuno contro ognuno, un aumento della litigiosità individuale e collettiva, e anche dell’odio collettivo. E’ un astio preoccupante, che deriva da una sensazione di paura paragonabile a quella che c’è stata in altri momenti storici: penso alla crisi del ’29, al periodo tra le due guerre. Io, italiano e di origine ebraica, sento tornare sentimenti che mi sono stati raccontati».

Marcello Buiatti, genetista, tra gli estensori del manifesto degli scienziati antirazzisti che è stato presentato a San Rossore, cerca di analizzare il clima di astio e paura che si sta diffondendo nel nostro Paese. «E’ la paura dell’”altro”, che sia l’handicappato, il folle, il povero di spirito: non a caso c’è una proposta di legge per abolire la legge 180 e riaprire i manicomi. Si parla per slogan, senza conoscere ciò d! i cui si parla: per sicurezza a rischio si intende un musulmano che prega per strada, tutti pensano che i rom siano romeni».

E spiega come è nato il manifesto: «Nasce dall’esigenza che la risposta al manifesto razzista del 1938 abbia una base scientifica. Da allora, la scienza ha fatto alcuni progressi, nel 1938 di genetica non si sapeva niente, la struttura del Dna è stata individuata nel 1953». «Alla luce delle conoscenze scientifiche attuali - spiega il genetista - il termine razza non ha alcun senso. Noi abbiamo pochissima variabilità genetica, a differenza per esempio dei gorilla, che sono molto più variabili geneticamente. Gli esseri umani non si sono adattati per selezione, ma per cultura. Noi abbiamo adattato l’ambiente a noi stessi e abbiamo fatto le culture».

E affronta direttamente il nodo centrale del razzismo, con una frase che viene accolta da un applauso scrosciante: «Non dobbiamo tollerare e accettare il diverso da noi perché siamo buoni, ma dobbiamo essere contenti perché ci sono i diversi da noi. La variabilità culturale è fondamentale per la nostra sopravvivenza».

http://www.regione.toscana.it/regione/export/RT/sito-RT/Contenuti/minisiti/sanrossore/2008/comunicati/visualizza_asset.html_255741844.html
Loggato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Salta a:  

Powered by SMF 1.1.20 SMF © 2006-2008, Simple Machines