il sangue e il plasma 
[ Testo:  precedente  ]  [ fascicolo ]  [ autore
Massimo Silvestri
[ mose@email.it ]
 
LA COSTELLAZIONE DEL CENTAURO
 
e l'universo fragile giace
tra inquietudine e morte.
Atlante Ŕ crollato
sotto il peso del globo
Chirone eterno centauro
Ŕ divenuto mortale.
giÓ vicini all'abisso
il sole non diffonde calore
estremi lembi di terra
incerti sfidano il mare.
tempo e spazio
sono stati violati
la nebbia ha creato distanze
ha confuso gesti immagini forme
al rumore al furore
di avide genti.

chi mosse la nebbia?
chi volle il terrore?

venne la nebbia
salý dalle valli
e confuse le genti
e i cuori confuse e le menti.
ora dopo ora tutto scomparve.
vascelli fantasma
vagano in cielo
in cerca di un porto
ma Ŕ fragile l'ancora
e fragili funi
intrecciano funi precarie.
l'universo Ŕ fermo
in silenzio
gli uccelli privi del volo
ormai vuota l'otre
dei venti di Eolo.
genti potenti
imprigionarono il cielo
ma venne la nebbia
salý dalle valli
e confuse le genti
e i cuori confuse e le menti.
ora dopo ora tutto scomparve
e l'universo fragile giace
nel cielo immenso,profondo
eterno Centauro splende
Chirone mortale tace.